About me

|  what they say  |  résumé CV  |  wiki  |

 

Una passeggiata

La Cosa di Nanni Moretti, documentario sui mutamenti politici nella sinistra italiana. Se c’è rimedio perché ti preoccupi? regia di Carlo Sarti e film d’esordio come cinematographer nel ‘94, Fiabe metropolitane, per la regia di Egidio Eronico, nomination Golden Leopard al Locarno Film Festival ‘97, Ponte Milvio, esordio alla regia di Roberto Meddi, vincitore al Tetouan Film Festival nel 2000, Non dire gatto, corto d’esordio per Giorgio Tirabassi, vincitore di 4 premi, tra i quali il David di Donatello nel 2002.

Per la Sacher Film con una operazione di Found Footage realizzo I Diari della Sacher:

Antonio Ruju di Roberto Nanni, Scalamara di Giuseppe M. Gaudino, Ca Cri Do Bo di Susanna Nicchiarelli, In Nome del popolo italiano di Valia Santella, Bandiera rossa e borsa nera di Andrea Molaioli, Davai bistre! Avanti Presto! di Mara Chiaretti, presentati in numerosi festival nazionali ed internazionali.

Nel 2003 seguo la fotografia, in tandem con Alessandro Pesci, di Elisa di Rivombrosa, serie TV, a cui segue una seconda collaborazione con Le stagioni del cuore del 2004.
Dal 2003 al 2008 realizzo 14 documentari, tra cui:
Il Cineasta e il labirinto, ritratto di Francesco Rosi, prodotto dal Centro Sperimentale di Cinematografia e diretto da Roberto AndòSegni particolari di Giuseppe Bertolucci, presentato al Festival di Venezia e nomination ai David di DonatelloNel 2004, Il bravo gatto prende i topi, lungo viaggio nei mutamenti della Cina, di Francesco Conversano e Nene Grignaffini, produzione RAI, vincitore del David di DonatelloDal 2006 seguono altre collaborazioni: Atlante veneziano, Dove la bellezza non si annoia mai, Taccuino indiano, Megalopolis che si aggiudica la miglior fotografia al Rhode Island International Film Festival 2008, e Muri, miglior fotografia al premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi 2013Giorni in prova di Maria Daria Menozzi, prodotto da Vivo Film è selezionato ai David nel 2007. 
Sempre nel 2004 esce anche Il Vento fa il suo giro per la regia di Giorgio Diritti, girato in modo decisamente sperimentaleNel film, ambientato in un piccolo villaggio alpino, c’è lo specchio del mondo d’oggi, con le sue speranze e la sua violenza. Riceve 36 premi e 16 nomination in 121 festival nazionali ed internazionali, esperimento inoltre di distribuzione alternativa ed indipendente: Arancia Film.
L’uomo che verrà, secondo film di Diritti, vince il David di Donatello come miglior film del 2010, altri 41 premi e 41 nomination di cui 4 per la fotografia: European Independent Film Critics AwardsCiak d’OroNastri d’ArgentoDavid di Donatello, in 128 festival nazionali ed internazionali. 
Alcuni miei lavori più recenti sono:
Bar Sport, film tratto dall’omonimo libro di Stefano Benni, regia di Massimo Martelli, Il Rosso e Il Blu, di Giuseppe PiccioniUn Giorno Devi Andare, di Giorgio Diritti, girato nella foresta pluviale Amazzonica, nomination per la fotografia ai Nastri d’Argento 2013.
In viaggio con Cecilia, film documentario di un viaggio nella Puglia tra ieri e oggi, di Cecilia Mangini e Mariangela Barbanente, apertura al Festival dei Popoli 2013.
Patria di Felice Farina viene presentato alle Giornate degli AutoriMostra Internazionale D’Arte Cinematografica di Venezia, 2014
Return to Spoon River di Francesco Conversano e Nene Grignaffini, presentato al Torino Film Festival 2015.
Monte, di Amir Naderi, presentato in anteprima alla 73. Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica di Venezia, 2016.
La Prima Meta, di Enza Negroni, in concorso al 57. Festival dei Popoli 2016.
 
La classifica dei 100 migliori film prodotti in italia, movieplayer.it
 
|  what they say  |  résumé CV  |  wiki  |